Si è svolta ieri pomeriggio la 65 ^ edizione del Palio della Gioventù. Un'occasione speciale in quanto quest'anno la Repubblica Dei Ragazzi compie 75 anni. Un'edizione insolita, senza il consueto pubblico, condizionata dal #Covid-19. Infatti non si è tenuto neanche l'annuale incontro degli Ex cittadini della Repubblica: un Palio a porte chiuse per tutelare i ragazzi e tutta la comunità. Ma i giochi, come vuole la tradizione, ci sono stati a conclusione di un anno di intenso lavoro e tante attività, dove le 5 case famiglia si sono sfidate con l'obbiettivo di vincere il tanto desiderato Palio. Quest'anno però nessun vincitore, hanno vinto tutti, proprio in virtù della particolarità della situazione. Non solo, si sarebbe dovuta realizzare una grande festa in occasione del compleanno della Repubblica e la Fondazione Angelo e Mafalda Molinari Onlus, sempre vicina a questa struttura, per l'occasione aveva fatto realizzare (da Debora Lunardi) e donato le nuove divise che sarebbero state indossate per i giochi e per la premiazione.Le divise le hanno indossate lo stesso perchè la festa c'è stata comunque, ed è stata proprio la festa dei e per i ragazzi. Speriamo che il prossimo anno si possa tornare a festeggiare insieme a tutti coloro che in qualche modo sono legati a questa struttura che da 75 anni è vicina ed al servizio dei ragazzi.

Pubblicato da Fondazione Angelo e Mafalda Molinari Onlus su Lunedì 17 agosto 2020

65^ Edizione del Palio della Gioventù a porte chiuse

65^Edizione del Palio della Gioventù si svolge a porte chiuse causa Coronavirus.

La Repubblica dei Ragazzi avrebbe festeggiato 75 anni di servizio.

La Fondazione Molinari Onlus per l’occasione ha donato le divise ad ogni casa famiglia.

Si è svolta ieri pomeriggio la 65 ^ edizione del Palio della Gioventù. Un’occasione speciale in quanto quest’anno la Repubblica Dei Ragazzi compie 75 anni. Un’edizione insolita, senza il consueto pubblico, condizionata dal #Covid-19. Infatti, non si è tenuto neanche l’annuale incontro degli Ex cittadini della Repubblica. Un Palio a porte chiuse per tutelare i ragazzi e tutta la comunità. Ma i giochi, come vuole la tradizione, ci sono stati a conclusione di un anno di intenso lavoro e tante attività, dove le 5 case famiglia si sono sfidate con l’obbiettivo di vincere il tanto desiderato Palio. Quest’anno però nessun vincitore, hanno vinto tutti, proprio in virtù della particolarità della situazione.
Non solo, si sarebbe dovuta realizzare una grande festa in occasione del compleanno della Repubblica e la Fondazione Angelo e Mafalda Molinari Onlus, sempre vicina a questa struttura, per l’occasione aveva fatto realizzare (da Debora Lunardi) e donato le nuove divise che sarebbero state indossate per i giochi e per la premiazione.
Le divise le hanno indossate lo stesso perchè la festa c’è stata comunque, ed è stata proprio la festa dei e per i ragazzi.
Speriamo che il prossimo anno si possa tornare a festeggiare insieme a tutti coloro che in qualche modo sono legati a questa struttura che da 75 anni è vicina ed al servizio dei ragazzi.
Guarda i video e le foto sulla nostra pagina facebook:
o Instagram:

Content Manager

VIEW ALL POSTS

2 Commenti

  1. Antonio Lauri 7 mesi fa 24 Marzo 2021

    Mi chiamo Antonio, e 65 anni fa sono stato un fiero cittadino
    della Repubblica dei Ragazzi.
    All’epoca non usavamo i cognomi, e ci distinguevamo gli uni
    dagli altri con numeri ordinali.
    Quindi io ero Antonio IV.
    Del Palio, ricordo che in piazza, a Civitavecchia, me ne fecero
    fare il banditore per l’annuncio.
    Eravamo accompagnati dal Prof, Raffaelli, da Tullio Granci e
    da Don Ernani Turri.
    Ci presentò un giovane Enzo Tortora, che all’epoca conduceva
    un programma in TV con Silvio Noto e che ci piaceva molto.
    Anche perché non v’erano altri programmi.
    Il giorno dopo mi misero su una mucca e, dopo un giro interno
    al villaggio Marino, mi fecero leggere dalla torre del Marangone
    le varie sfide tra i laboratori. Io ero della Ceramica (mi pare che
    fosse del Granchio).
    In quegli anni ho imparato cosa vuol dire essere un vero cittadino,
    con diritti, doveri e regole liberamente condivise e rispettate.
    Ho imparato la dignità del lavoro ben fatto e del giusto compenso. (i “meriti” dello scultore Manzù).
    Credo di aver tutto assorbito, al punto che fui parecchie volte
    eletto sindaco o giudice. E lì ho imparato a non giudicare se
    non dopo aver ben compreso.
    Ho ormai settantasette anni e, alla sera della vita, posso dire
    che le basi fondamentali per affrontarla consapevolmente da
    adulto le debbo, senza dubbio alcuno, all’impronta benefica che
    ho ricevuto nei miei cinque anni alla Repubblica dei Ragazzi.
    Grazie dal profondo del cuore.

    .

    RISPONDI
    • Content Manager 7 mesi fa 24 Marzo 2021

      Grazie di aver condiviso questo bellissimo ricordo! Fa piacere sapere che la Repubblica dei Ragazzi ha svolto un ruolo educativo importante nella sua vita e in quella di tanti altri ragazzi e oggi anche ragazze.

      RISPONDI

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per ricevere le nostre news periodicamente