“Se leggi tu…leggo anch’io” Continua!

0%

Per molti è un dato di fatto che leggere ad alta voce ai bambini sia importante e porti benefici. Tuttavia ancora oggi non è scontato che le famiglie e gli adulti di riferimento mettano in pratica questo metodo a sufficienza e soprattutto dai primissimi giorni di vita in poi.

Non banale poi il rischio di non trovare il tempo da dedicare a questa attività; presi dagli impegni, distratti dai diversi schermi e poco pazienti, alcuni genitori faticano a portare avanti con successo questa semplice ma efficace attività.

Questo progetto vuole essere un’originale campagna divulgativa sull’importanza della lettura con i bambini da 0 a 6 anni, in continuità e per consolidare una iniziativa precedente che ha avuto una grande risposta da parte della cittadinanza ed in tutto il territorio coinvolto.

L’intervento vuole arrivare in differenti modi a sensibilizzare adulto e bambino contemporaneamente.

La finalità continua ad essere quella di intervenire sulla rivalutazione della cultura del leggere come strumento di prevenzione del disagio infantile su più livelli: cognitivo, affettivo, relazionale.

La lettura ad alta voce è un efficace strumento di prevenzione del disagio infantile, promuove lo sviluppo cognitivo ed affettivo del bambino oltre a migliorare la qualità dell’accudimento genitoriale.

Questo progetto è stato ideato da una rete progettuale che intende integrare negli interventi di sensibilizzazione alla lettura famiglie con disagio sociosanitario.

I luoghi della lettura si avvicineranno ed incontreranno le famiglie che vivono in situazioni di disagio socio economico per incentivare la lettura nell’infanzia.

Seguiranno le seguenti azioni progettuali:
-Lettura gratuite presso librerie, biblioteche, parchi pubblici e sensibilizzazione all’utilizzo delle biblioteche
-Laboratori gratuiti per bambini

LEGGERE AD ALTA VOCE FA BENE AL CERVELLO E NON SOLO
Lettura ad alta voce e sviluppo neuronale

Gli stimoli ricevuti nei primi anni di vita sono fondamentali nella creazione della rete neuronale e nello sviluppo cerebrale

La lettura ad alta voce è uno stimolo altamente consigliato soprattutto per la lotta al fenomeno dell’ analfabetismo funzionale:

Cos’è l’analfabetismo digitale? Una forma di analfabetismo consistente nella mancanza di literacy, ovvero quelle competenze basilari per la comprensione di testi anche semplici, a causa dell’alta frammentarietà, iconismo e velocità presenti nella informazione digitale

Importanza dei primi anni di vita del bambino

E’ nei primi anni che si infittisce la rete di collegamenti tra i neuroni

La forza e la ricchezza di questi collegamenti dipendono fortemente dalle opportunità di interazione con il mondo circostante (toccare, vedere, odorare, assaporare, ascoltare, muoversi, esplorare, ricevere comportamenti affettivi, relazioni familiari, sociali, ascoltare storie, ecc.)…Tutto ciò nel primo anno di vita partecipa ad aumentare le dimensioni di aree corticali associative parieto-temporali-occipitali ed ippocampo

Alcune ricerche dimostrano che c’è uno stretto rapporto tra il numero di parole ascoltate da un bambino e il numero di parole imparate

Tra le buone pratiche efficaci sullo sviluppo, la lettura in famiglia è un’attività che è stata particolarmente approfondita per i suoi meccanismi ed i suoi effetti.

La lettura e lo sviluppo relazionale sociale ed emotivo

Non dimentichiamo inoltre che leggere ad alta voce significa costruire uno spazio affettivo di:

Incontro
Condivisione
Riconoscimento emotivo
Contenimento affettivo
Questi elementi che la lettura ad alta voce stimola e potenzia nel rapporto con il bambino partecipano nel rafforzamento della sicurezza affettiva e dei processi di attaccamento prima e autostima dopo…MA CHE POTERE QUESTA LETTURA!

E COME DOVREBBE ESSERE UNA BUONA LETTURA AD ALTA VOCE?

Tre qualità fondamentali:

PRECOCE iniziamo dalla gravidanza, il vostro bambino vi ascolta, impara il ritmo e la cadenza del racconto e magicamente questo gli farà infinitamente bene!! Poi proseguiamo fino a quando uscirà di casa…

FREQUENTE minimo 3 volte a settimana, meglio un pochino tutti i giorni, in qualsiasi modo, non deve essere sempre e necessariamente un libro e una storia, quando non abbiamo tempo a volte basta giocare con le etichette di una bottiglia leggendole, ma leggiamo ogni volta che possiamo

DI QUALITA’ la lettura è un rito, è un momento magico per il bambino, qualsiasi cosa leggiamo, facciamolo con piacere, con attenzione, con calma e con partecipazione…magari scopriamo che piace anche a noi!

SHARING IS CARING
DONA ORA